Illeciti Sportivi

Gli avvocati di SportLegal seguono tanto presso gli organi di giustizia Federale quanto presso i collegi arbitrali i contenziosi riconducibili agli illeciti sportivi di qualunque natura.

L’illecito sportivo si differenzia da quello civile o penale in quanto non comporta il risarcimento dei danni e non necessariamente costituisce una fattispecie di reato. Esso vede come “responsabili” esclusivamente i soggetti tenuti all’osservanza dell’ordinamento sportivo e si realizza attraverso la violazione dei precetti in esso contemplati.

Secondo gli statuti Federali, l’illecito sportivo si realizzerebbe qualora i tesserati “compiano o consentano che altri, a loro nome o nel loro interesse, compiano con qualsiasi mezzo atti diretti ad alterare lo svolgimento o il risultato di una gara, ovvero ad assicurare a chicchessia un vantaggio in classifica”.

Dalla violazione delle regole Federali scaturisce l’applicazione di una sanzione

da parte degli organi della giustizia sportiva che sarà di natura prettamente sportiva nel caso in cui la condotta vulneri una regola tecnico-sportiva, ovvero disciplinare nel caso in cui violi un precetto che comporta l’esercizio del potere sanzionatorio disciplinare.

Nonostante la sua autonomia rispetto all’ordinamento giuridico, l’illecito sportivo può comportare anche il sorgere di altre forme di responsabilità. Si pensi, ad esempio, alle violenze colpose o volontarie tra atleti sul campo di gioco o alle numerose inadempienze contrattuali e di lavoro tra le società e i loro affiliati.

In tutti questi casi gli statuti Federali prevedono clausole compromissorie sottoscritte ed accettate all’atto del tesseramento che, pena la radiazione dall’Ente sportivo di riferimento, obbligano i soggetti in conflitto ad adire esclusivamente gli appositi organi interni nonché a devolvere ad uno speciale collegio arbitrale le questioni che non siano di competenza degli organi federali predisposti.