Doping Sportivo

Una delle principali attività di cui si occupano gli avvocati di SportLegal è quella di rappresentare e difendere gli atleti coinvolti in procedimenti disciplinari per presunta violazione di norme anti-doping.

Nonostante i tentativi di regolamentare la materia risalenti agli anni settanta, il primo vero intervento legislativo risale alla Convenzione di Strasburgo del Consiglio d’Europa recepita in Italia con la legge n. 522 del 1995 che ha fornito una chiara definizione di doping sportivo, individuando per la prima volta le classi farmacologiche e gli agenti dopanti.

Bisognerà attendere, tuttavia, la legge 376 del 2000 per individuare la prima definizione chiara di doping:

“ogni somministrazione o assunzione di farmaci o sostanze biologicamente o farmacologicamente attive, ogni adozione o sottoposizione a pratiche mediche che non siano giustificate da condizioni patologiche, ma che risultino idonee a modificare le condizioni psicofisiche o biologiche dell’organismo, al fine di alterare le prestazioni agonistiche degli atleti”.

Con l’obbligo di tutti i tesserati di

“dichiarare in modo esplicito la propria conoscenza dei regolamenti in materia di doping e l’accettazione delle norme in essi contenute, soprattutto in ordine ai controlli”.